philipp plein t shirt menCosì abiti uomo philipp plein l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin

philipp plein singapore,,
philipp plein replika,,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin,
philipp plein t shirt skull,,
philipp plein moscow,Marco Cobianchi I prossimi 12 giorni sono decisivi per il futuro della Grecia, cioè dell’Europa. Il 12 febbraio, infatti, si riuniscono i capi di Stato e di governo per ratificare la decisione, che è data per scontata, che verrà presa il 9 febbraio dai ministri degli Esteri della Ue in ordine alla conferma di ulteriori sanzioni a persone e società russe per la sanguinosa vicenda dell’Ucraina. La Grecia, quel giorno, avrà la possibilità di restare politicamente in Europa,philipp plein logo, e votare a favore delle sanzioni, oppure, utilizzando il diritto di veto (la decisione va presa all’unanimità),Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, di bloccarle.Il potere della Grecia è enorme e i due blocchi politici,outlet philipp plein,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, Europa e Russia, se lo stanno contendendo facendo leva sull’impossibilità, e la conseguente mancanza di volontà, da parte del governo di Alexis Tsipras, di ripagare il debito estero. E’ un po’ come se Bruxelles (o, meglio,philipp plein figlio, Berlino) e Mosca stessero facendo a gara per accaparrarsi la Grecia. E Vladimir Putin è in vantaggio.E’ una partita pericolosissima perché questa decisione può: o confermare la Grecia come parte integrante dell’occidente europeo oppure può spostare il suo baricentro verso la parte orientale dell’Europa. Il nodo sono i soldi: la Russia è in vantaggio perché si è detta disponibile a fornire almeno una parte dei liquidi che servirebbero alla Grecia per ripagare i prestiti ottenuti dalla Troika (Ue, Fmi e Bce). In questo senso non deve passare inosservato il fatto che la prima personalità straniera che Tsipras ha incontrato dopo la sue elezione a capo del governo greco è stato l’ambasciatore russo ad Atene che gli ha consegnato quella che è stata definita una “affettuosa” lettera di Vladimir Putin. Non bisogna mai dimenticarsi che Alexis Tsipras è ateo e comunista,giubbotto philipp plein uomo, assai più simile, politicamente, a Putin che alla Merkel, e che Grecia e Russia sono uniti dalla stessa religione ortodossa. Insomma: hanno molti più punti in comune di quanto non si immagini compreso il fatto che il capo del governo greco ha dichiarato, l’anno scorso, che la Grecia non dovrebbe riconoscere il governo “nazista” di Kiev che invece l’Europa difende dall’invasione russa.Se poi si allarga lo sguardo all’intera Europa si scopre che in realtà Putin sta vivendo una periodo di grande popolarità. Marine Le Pen del Front National ha detto,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, l’anno scorso, che non avrebbe nessuna difficoltà ad accettare soldi dalla Russia per risollevare la Francia,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, che è fuori dai parametri economici europei che non riesce a rispettare. Subito dopo la stessa dichiarazione è stata fatta da Matteo Salvini,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin,philipp plein eyewear, leader della Lega Nord e da altri rappresentanti dei Paesi euroscettici del Vecchio Continente. Importante, in questo senso, ricordare che nel 2015 sono previste ben 9 consultazioni elettorali (compresi referendum popolari come, ad esempio, quello della Catalogna) e che nella maggior parte di questi i partiti euroscettici sono dati in grande crescita.E’ paradossale, ma questi partiti euroscettici,philipp plein milano via dei giardini, come Syriza, vedono in Putin un salvatore piuttosto che un avversario come lo ritengono le istituzioni europee. La Russia è vista come il Paese che può ridare a loro la libertà così mortificata dalle regole europee che impongono, soprattutto ai Paesi del Sud Europa, vincoli di bilancio così stringenti da essere soffocanti. Davvero un paradosso della storia: a quasi 98 anni dalla rivoluzione d’ottobre, la Russia torna, agli occhi degli occidentali insofferenti all’egemonia tedesca sull’economia europea, ad essere vista se non come la patria della libertà, l’amico che li può liberare dalle catene che loro stessi si sono costruiti.Così le eventuali ulteriori sanzioni europee alla Russia,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, sollecitate da John Kerry e dall’amministrazione Obama,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, possono essere usate da Putin come la prova della paura di Bruxelles verso il suo attivismo diplomatico. Probabilmente sarebbe stato meglio non dare alla Grecia la straordinaria possibilità di avvicinarsi, con il suo veto, a Putin ed è per questo che il “documento di lavoro” predisposto dall’Alto Rappresentante per la politica estera dell’Unione, Francesca Mogherini, molto soft nei confronti della Russia, andava nella direzione giusta. Peccato che le rigidità delle istituzioni europee, sempre più attente al “rispetto delle regole” siano incapaci di avere uno sguardo storico su ciò che accade nella realtà.Le mosse della Ue non sono, infatti, incoraggianti. I ministri tedeschi,fergie philipp plein, quello delle Finanze Wolfgang Schauble e quello degli Esteri Frank-Walter Steinmeier, continuano a ripetere come un disco rotto che la Grecia deve rispettare i patti e ripagare il debito contratto con le istituzioni internazionali senza rendersi conto che continuare a spremere la Grecia come un limone significa spingerla ancora più velocemente nelle braccia di Putin che ha la straordinaria opportunità,Così l’Europa spinge la Grecia nelle braccia di Putin, davvero inimmaginabile fino a pochi anni fa, di estendere la propria influenza politica nel cuore dell’Europa. Stessa rigidità da parte sia del presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, che dal presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselboem, il principale oppositore del documento della Mogherini. Incredibile il resoconto che è stato dato dell’incontro recente tra lo stesso Dijsselboem e il ministro greco (marxista) Yanis Varoufakis che, oltre che in molti siti di informazione greca, può essere letto qui e visto qui.E’ in corso un negoziato, insomma, nel quale la piccola e indebitata Grecia (altro paradosso) ha il coltello dalla parte del manico e il 12 febbraio potrà decidere contro chi puntarlo.Questo è il risultato degli errori strategici europei che hanno dato a Putin la straordinaria possibilità di fare implodere dall’interno la barocca e architettura economica e politica dell’Unione. © Riproduzione Riservata UltimeNewsThe New York Times, quotidiano (anti)populistaChi è Leopoldo López, l’oppositore venezuelano in carcere Ong: il caso Zuccaro-Moas spiegato beneMigranti: le Ong tra volontariato e businessAung San Suu Kyi a Roma, tutti i dubbi

About the author